Félicette, il primo gatto nello spazio, finalmente ottiene un memoriale

29 Gennaio 2020by Anna Pazzaglia0
https://iltuogatto.it/wp-content/uploads/2020/01/Félicette-il-primo-gatto-nello-spazio.jpg
Tempo di Lettura: 3 minuti
Il mese scorso, una squadra ha svelato una statua in bronzo in onore del felino, Félicette che ha lanciato una missione suborbitale nel 1963 Félicette, un ex randagio che fu inviato nello spazio dai ricercatori francesi nel 1963, ora ha una statua di bronzo in suo onore all’Università spaziale francese. Félicette, l’unico gatto che sia mai sopravvissuto a un soggiorno nello spazio, viene ora riconosciuto per i suoi successi extraterrestri sotto forma di una statua di bronzo presso l’International Space University di Strasburgo, in Francia.

La missione

Il felino spaziale faceva parte di una missione suborbitale di 15 minuti nel 1963. Svelato a dicembre, il memoriale è il culmine di una campagna Kickstarter lanciata nell’ottobre 2017 dall’appassionato di gatti cosmici Matthew Serge Guy. Più di 1.100 clienti hanno donato $ 57.000 per onorare Félicette.

Il memoriale

“È tempo che The Astrocat Félicette ottenga il memoriale che merita giustamente”, ha scritto Guy sulla pagina della campagna originale.
Félicette, non è stato il primo animale non umano a lasciare l’atmosfera del nostro pianeta. Nelle loro prime offerte per un eventuale sbarco lunare, sia gli Stati Uniti che l’ex Unione Sovietica inviarono nello spazio i loro serragli di creature, tra cui un cane di nome Laika nel 1957 e uno scimpanzé chiamato Ham nel 1961. Questi sforzi, usando creature sempre più grandi , erano – sebbene eticamente nebulosi – intesi come prove per l’uomo, in parte per studiare gli effetti della microgravità sui corpi dei mammiferi.

Gli altri animali

Prima di Félicette, la Francia aveva finora inviato solo topi nello spazio. Dopo che i ricercatori del Centre d’Enseignement et de Recherches de Médecine Aéronautique (CERMA) hanno reclutato 14 gatti in un rigoroso programma di allenamento, Félicette – un ex randagio dal temperamento dolce – ha ottenuto il biglietto d’oro, Emily Petsko ha riferito per Mental Floss nel 2018.

La statua di bronzo

Questa statua in bronzo, progettata dallo scultore Gill Parker, raffigura Félicette il gatto appollaiato in cima al pianeta Terra. (Matthew Serge Guy, Kickstarter)
Quell’ottobre, Félicette – allora designata C341 – fu lanciata da una base nel deserto del Sahara, raggiungendo un’altitudine di circa 100 miglia sopra la Terra. Il viaggio è stato breve, in totale 15 minuti. Ma nel frattempo, gli scienziati hanno tenuto sotto stretto controllo il gattino, monitorando la sua respirazione e la frequenza cardiaca attraverso una serie di elettrodi impiantati in tutto il suo corpo. Alla fine, la capsula che conteneva Félicette si staccò dal suo razzo e si paracadutò in modo sicuro a terra. Pochi mesi dopo il suo ritorno, è stata eutanizzata in modo che il team scientifico potesse esaminare il suo cervello.

Dimenticato?

Nonostante i contributi scientifici di Félicette, questo intrepido felino Félicette è stato per lo più cancellato dalla storia, Weitering ha scritto per Space.com nel 2017, quando la campagna di Guy Kickstarter ha debuttato per la prima volta. Alla sua morte, Ham lo scimpanzé fu elogiato e i suoi resti parziali furono inviati per la sepoltura presso la Sala Spaziale Internazionale della Fama, e almeno due monumenti sono stati costruiti in memoria del cane Laika. Ma Félicette non aveva ancora ricevuto una commemorazione comparabile al momento del lancio della campagna di Guy. Una serie di francobolli, destinati a celebrare i contributi del gatto, in realtà la etichettava come un gatto maschio di nome Felix.

La corsa allo Spazio

L’oscurità di Félicette potrebbe essere in parte legata al modo in cui è stato registrato il primo volo spaziale: principalmente come una corsa tra URSS e Stati Uniti, lasciando la Francia e i suoi astronauti, umani e non, come personaggio secondario. Quasi sei decenni dopo il suo viaggio, Félicette è ora immortalata in bronzo. La sua statua alta cinque piedi, progettata dallo scultore Gill Parker, la ritrae arroccata in cima alla Terra, mentre guarda verso il cielo. Il pezzo è stato presentato in anteprima il 18 dicembre 2019, come parte della celebrazione del 25 ° anniversario del programma Master of Space Studies della International Space University.

Questo articolo è stato pubblicato il 29/01/2020 10:53

Anna Pazzaglia

Laureata al DAMS, Master di secondo livello universitario in Pedagogia, blogger, scrittrice, educatrice, parte dei miei e-book sono su Amazon. Quello che più mi si addice è: "Professione Blogger. Crea, gestisci e lavora con il tuo blog".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tempo di Lettura: 3 minuti
https://iltuogatto.it/wp-content/uploads/2019/12/il-tuo-gatto-2.png
@ 2019 All Right Reserved.
VAT. IT03759401205
Social