Gatto di razza York Chocolate

23 Ottobre 2019by Sebastian Faltoni0
https://iltuogatto.it/wp-content/uploads/2019/10/york-chocolate1.jpg
Tempo di Lettura: 5 minuti

Lo York Chocolate ideale è un marrone cioccolato straordinariamente ricco o lucente lavanda con un manto che ha una lucentezza intensa che scorre su linee del corpo accentuando il movimento del corpo elegante e flessibile.

Personalità

I “cioccolatini York” sono una razza estremamente amichevole e di buon umore. Raggiungono un buon equilibrio tra alta energia e devozione amorevole. Dopo una commovente sessione di recupero o cattura di un gioco, vogliono rannicchiarsi nel grembo della loro persona preferita per fare le fusa e essere accarezzati. Sebbene non siano generalmente vocali, i cioccolatini di York fanno fusa entusiaste e producono un caratteristico suono di domande “purrrt?” Quando si annuncia il loro arrivo o si avvertono di gravi problemi, come ciotole vuote di cibo.

Le coccole

Alla maggior parte degli York piace essere trattenuti e coccolati, alle loro condizioni, ovviamente, e sono meravigliosi compagni dell’unica persona umana speciale con cui scelgono di legare. Sebbene di solito siano gatti di una persona e siano intelligentemente cauti con gli estranei, sono amichevoli e affettuosi con la loro famiglia allargata, compresi i bambini ben educati.
Di solito vanno d’accordo con gli altri animali domestici, purché vengano fatte le presentazioni appropriate. Intelligenti ed energici, i cioccolatini di York amano seguire i loro umani preferiti da una stanza all’altra per assicurarsi che tutte le attività incontrino l’approvazione del gatto.

Gatto di razza York Chocolate

Fascino per l’acqua

Gli York Chocolate sono anche curiosi e insistono per aiutare le loro persone preferite. Che tu stia leggendo il giornale, piegando i vestiti o lavorando alla tua scrivania, gli York vogliono tenersi sempre aggiornati, letteralmente.
Gli York hanno anche un fascino per l’acqua e approfittano di ogni occasione per saltare nel lavandino o nella vasca, a volte anche quando stai cercando di lavare i piatti o fare un bagno. A causa del background di questa razza da cortile, gli York sono resistenti e in buona salute e si divertono a praticare le loro abilità di stalking ogni volta che si presenta l’occasione, naturalmente in casa. Pertanto, gli York amano i giocattoli che si muovono o in cui prendi un ruolo attivo e si annoiano rapidamente con i giocattoli che siedono lì.

Storia

Nel 1983 in un allevamento di capre di proprietà di Janet Chiefari a Grafton, New York, un gatto bianco e nero dal pelo lungo di nome Blacky ebbe un incontro romantico con un gatto dal pelo nero di nome lungo Smokey, che produsse una cucciolata che includeva un marrone a pelo lungo e nero gattino femmina di nome Brownie.

Minky

L’estate successiva Brownie apprese i fatti della vita dal suo bel padre dal pelo lungo e produsse una cucciolata che includeva Minky, un gattino maschio dal pelo lungo. Nel 1985 Brownie insegnò a suo figlio Minky, ormai cresciuto, i fatti felini della vita e produssero due cuccioli: Teddy Bear, un maschio marrone a pelo lungo, e Cocoa, una femmina marrone e bianca dal pelo lungo. Ormai, la fattoria aveva coltivato un bel gruppo di gattini con manto lungo e lucente. Il proprietario della fattoria, Janet Chiefari, non è stato solo preso dai manti lunghi, morbidi, dai colori intensi e dalla coerenza dei gatti, ma anche dalla loro intelligenza e dai loro dolci temperamenti.

Chiefari

Come allevatore di capre, Chiefari sapeva molto sull’allevamento, ma poco su quello dei gatti; all’inizio sapeva solo che i gatti erano abili nel liberare i suoi granai di roditori e se lasciati inalterati si moltiplicavano rapidamente.
Chiefari iniziò a leggere ogni libro sulla genetica dei gatti che riuscì a trovare. Nel 1989 Chiefari aveva trasformato il suo portico in un allevamento, che chiamò Upon the Rock. Creò un programma di allevamento usando Brownie, Minky, Teddy Bear, Cocoa e tutta la loro prole color cioccolato. Con sorpresa di Chiefari i gatti si riprodussero, producendo gatti marroni a pelo lungo e bicolori con manto liscio e non opaco; Chiefari osservò che la forma della testa, il tipo di corpo e il tipo di pelliccia erano coerenti sin dall’inizio.

Il gene recessivo

Poiché il pelo lungo è governato da un gene recessivo ed entrambi i genitori avevano il pelo lungo, ciò significava che ciascuno aveva due copie del gene del pelo lungo. Pertanto, l’unico risultato possibile sono stati i gattini a pelo lungo. Inoltre, Blacky e Smokey devono avere ciascuno una copia del gene nero dominante (B) e una copia dell’allele marrone recessivo (b) per produrre Brownie; per esprimere la colorazione marrone, i gatti marroni devono ereditare due copie del gene b, una per ciascun genitore. Dopo quel punto, ogni volta che due gatti marroni venivano uniti, tutti i gattini erano marroni o marroni con il bianco, a seconda dell’eredità del gene del fattore di macchia bianca, che provoca muffole bianche e macchie di bianco.

La nuova razza

Nell’estate del 1989 l’allevamento di Chiefari includeva ventisette a pelo lungo marrone scuro o marrone con gatti e gattini bicolore bianchi, ed era così entusiasta della sua nuova razza che iniziò a cercare modi per promuoverli. Nel luglio 1989 il veterinario di Chiefari la presentò a Nancy Belser, allevatrice di gatti e giudice per la Federazione dei gatti di gatto (CFF). Belser uscì dall’allevamento e confermò ciò che Chiefari già credeva: questa razza era diversa da qualsiasi altra fantasia del gatto. Nancy Belser incoraggiò Chiefari a esibire i suoi gatti nella CFF..

Prince

Quel settembre Chiefari portò Prince, un maschio marrone di sei mesi, a uno spettacolo di gatti CFF e lo registrò nella categoria dei cuccioli di animali domestici (HHP). A quel primo spettacolo, Prince vinse quattro rosette e ottenne il primo trofeo. Entusiasta della calorosa risposta e della rapida accettazione che ricevette a quel primo spettacolo, Chiefari iniziò il processo di portare lo York Chocolate alla ribalta della fantasia dei gatti chiedendo lo status di nuova razza con CFF e ACFA. La razza non aveva ancora un nome, quindi dopo qualche pensiero scelse York Chocolate: “York” per il suo stato di New York e “Chocolate” per la colorazione caratteristica della razza. Con l’aiuto di CFF e ACFA, scrisse il primo standard di razza.

Razza sperimentale

Nel marzo 1990, lo York Chocolate fu accettato come razza sperimentale sia nella CFF che nell’ACFA. Più o meno nello stesso periodo, nacque il primo gattino lavanda. Quando un gatto eredita due copie del gene del colore diluito recessivo d, uno da ciascun genitore, anziché il gene denso D, il colore marrone diventa un grigio morbido noto come lavanda. La lavanda e la lavanda bicolore sono state aggiunte allo standard.

Allevatori

Ci volle più di un allevatore per ottenere l’accettazione nelle associazioni, così Chiefari iniziò a reclutare altri allevatori, parenti, amici e vicini; quasi tutti quelli che Chiefari sapeva fosseroentusiasti di crescere i cioccolatini York. Il numero di allevatori di York Chocolate aumentò e, solo due anni dopo, nel 1992, lo York Chocolate ottenne lo status di campione nella CFF.

Dal Canada

Gli allevatori canadesi Michèle e Frank Scott sono stati coinvolti nella razza, e insieme ad altri membri della loro recente York Chocolate Society hanno contribuito a ottenere il riconoscimento con la Canadian Cat Association (CCA). Nel 1995, la CCA ha ottenuto lo status di campionato per la York Chocolate. Tuttavia, la CCA ha richiesto lievi modifiche alla formulazione dello standard, incluso il fatto che il comitato per la genetica del cioccolato di York deve dare un’approvazione scritta a tutti i gatti domestici utilizzati come incroci nei programmi di allevamento del cioccolato a York. Lo scopo principale di questa regola era quello di impedire che il gene arancione legato al sesso si affermasse nella razza e fosse facilmente accettato dagli allevatori.

Verona

Anna e Francesco Baldi di Verona, furono i primi allevatori europei di York Chocolate. Acquistarono diversi “cioccolatini di York” da Michèle e Frank Scott in Canada, ed Emile Belisle e Pat Chew negli Stati Uniti per stabilire il loro allevamento. Sebbene i Baldi non si riproducano più, sono stati fondamentali per la creazione dell’International York Chocolate Federation (IYCF), un’organizzazione italiana di allevatori e appassionati dedicata alla conservazione e alla promozione dello York Chocolate. Nel 1997 i membri della IYCF e altri allevatori e allevatori riuscirono a ottenere l’accettazione del York Chocolate con la World Cat Federation (WCF) con sede in Germania e altre associazioni internazionali ed europee tra cui la World Felinological Federation (WFF) a Mosca, Russia, Internazionale Progressive Cat Breeders ‘Alliance a Upton, Kentucky, e Feline Federation Europe (FFE) a Norimberga, Germania.

Leggi anche: 8 ricette irresistibili di cibo fatto in casa

Risorse:

https://www.petfinder.com

Sebastian Faltoni

Senior developer, pet blogger, amante dei gatti: ne ho due uno tolto dalla strada l'altro da un gattile. Cat sitter da sempre per gli amici. Creatore de Iltuogatto.it by NukedBit

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tempo di Lettura: 5 minuti
https://iltuogatto.it/wp-content/uploads/2019/12/il-tuo-gatto-2.png
@ 2019 All Right Reserved.
VAT. IT03759401205
Social

Nukedbit by Sebastian Faltoni - Via Andrea Costa 14 Imola Bologna (BO) P.IVA IT03759401205 - C.F. FLTSST83L05A390N - PEC. faltonisebastian@pec.it