Raccomandazioni per la transizione dei gatti alla dieta alimentare cruda o dieta barf

10 Giugno 2020by Sebastian Faltoni0
https://iltuogatto.it/wp-content/uploads/2020/06/barf.jpg
Tempo di Lettura: 4 minuti

Esistono diversi metodi per passare a una dieta a base di carne cruda detta anche barf. L’istinto naturale di un gatto è quello di “fissarsi” sul cibo, il che aiuta i gattini a imparare cos’è il cibo e riconoscerlo quando lo vedono e lo annusano. Ciò che a volte viene definito un gatto “schizzinoso” è in realtà una manifestazione di questa tendenza naturale.

La transizione

Alcuni gatti richiedono una transizione graduale a una dieta cruda o barf, mentre altri si abituano immediatamente. Usa il metodo che sembra adattarsi meglio alla personalità del gatto. Quando si passa a una dieta a base di carne cruda, si consiglia infine di interrompere completamente l’alimentazione di alimenti secchi. I cibi secchi commerciali vengono spruzzati con oli e “aromi” per renderli appetibili per i gatti. I gatti che possono essere fissati sul cibo secco possono “aspettare” per ottenere le loro crocchette piuttosto che provare un nuovo cibo.

Perdita di peso

Tuttavia, durante la transizione, non è salutare per i gatti perdere troppi pasti o mangiare pasti più piccoli del solito per giorni alla volta. Ciò può causare una rapida perdita di peso, che può portare a gravi problemi di salute. L’obiettivo finale è portare i gatti adulti a un programma di alimentazione di due pasti al giorno, senza crocchette. L’attuale dieta del gatto può dettare il metodo di transizione utilizzato. I seguenti sono solo consigli. Lavora con un veterinario olistico qualificato e che individui le esigenze individuali del gatto.

Nota speciale

Qualsiasi cambiamento nella dieta di un gatto può causare disturbi di stomaco. Anche se un gatto ama immediatamente la sua nuova dieta barf, dovrebbe essere trasferito lentamente. Se si spostano troppo rapidamente, qualsiasi mal di stomaco può portare presto il gatto a rifiutare la dieta cruda perché collegano il loro mal di stomaco al cibo.

Un campione

Inizia offrendo un piccolo campione. Se assaggiano del tutto il campione, iniziare a offrire piccole quantità come regalo al mattino e alla sera. Ridurre gradualmente la quantità di crocchette lasciata fuori per la giornata. Spostati verso un pasto fisso al mattino e uno alla sera con il cibo crudo e secco, aumentando lentamente la porzione cruda e diminuendo le crocchette fino a quando il gatto non è completamente transitato. Un’altra opzione è quella di passare a un alimento umido commerciale, quindi passare alla dieta cruda dal cibo in scatola.

Gatti in transizione che mangiano ora solo alimenti umidi

Inizia un programma alimentare che comprenda i pasti due volte al giorno. Metti piccole quantità della dieta barf accanto alla dieta normale o mescola con il loro cibo umido attuale. Iniziare gradualmente ad aumentare il rapporto tra crudo e in scatola fino al completamento della transizione.

Gatti in transizione che attualmente mangiano sia cibo secco che umido

Passa lentamente a un programma di alimentazione per il cibo umido due volte al giorno e riduci la quantità di crocchette lasciata fuori durante il giorno. Aggiungi piccole quantità di dieta cruda al cibo umido in scatola o offri come trattamento separato durante i pasti. A poco a poco inizia ad offrire crocchette solo durante i pasti. Per i gatti che hanno difficoltà a riconoscere una dieta cruda come cibo e lo ignorano completamente insieme, ecco qualcosa da provare:
Metti un cucchiaio di cibo crudo accanto al loro cibo normale. Ciò consentirà al gatto di iniziare ad associare cibi crudi al loro pasto. Potrebbe essere un processo lento, con il gatto che lo annusa solo all’inizio, ma gradualmente iniziano a decidere che potrebbe trattarsi anche di cibo, lo assaggeranno e alla fine inizieranno una transizione alla dieta barf.

Nota speciale

Qualsiasi modifica alla dieta di un gatto può causare disturbi digestivi, quindi è essenziale un attento monitoraggio durante il periodo di transizione. Andare piano, usare cautela e consultare un veterinario olistico.

Gestione sicura

Manipolare sempre il cibo per gatti crudo allo stesso modo di qualsiasi altro prodotto a base di carne cruda. Pulisci immediatamente le superfici e non lasciare mai il cibo crudo dove i bambini piccoli possono accedervi. Inoltre, dopo aver offerto cibi crudi ai gatti, non lasciarli fuori per più di 30 minuti e poi butta tutti i resti.

Alcune modifiche da aspettarsi

Dopo una transizione completa a una dieta cruda, o barf i gatti in genere bevono meno acqua. I gatti allo stato brado prendono la maggior parte della loro acqua dal cibo. Una dieta a base di carne cruda contiene naturalmente più umidità rispetto al cibo secco o in scatola, quindi il tuo gatto potrebbe avere meno sete, ma sta ricevendo molta acqua.

La digestione

Potrebbe esserci un cambiamento nel volume, nell’odore e nel colore delle feci. Puzzeranno di meno! Può anche essere un po ‘più dure e asciutte ed essere colorate in tonalità di marrone scuro e chiaro. Gran parte delle proteine grezze e delle fibre grezze nella maggior parte degli alimenti commerciali secchi e in scatola per gatti non è digeribile e contribuisce a un volume maggiore di feci. Insieme alla certezza di sapere che tutto il cibo che viene ingerito viene digerito, la riduzione dell’odore è un piacevole vantaggio collaterale.

Perdere peso

I gatti in sovrappeso tendono a perdere peso. Tuttavia, la perdita di peso deve essere attentamente monitorata. La rapida perdita di peso può portare a gravi problemi di salute. Un veterinario olistico che è abile nel passaggio alle diete crude può fornire i migliori consigli, specialmente quando si transita un gatto con problemi di salute cronici.

Il gioco

I gatti letargici iniziano a giocare di più e possono persino esibire comportamenti di caccia. I gatti sono più sani se nutriti con una dieta ricca di proteine e povera di carboidrati. Quando i gatti non sperimentano gli alti e i bassi metabolici associati all’elevato apporto di carboidrati dai cereali, useranno le proteine come fonte di energia, come sono state progettate dalla natura per farlo. Ciò tende a fornire energia durante il giorno.

Allergie

Le allergie tendono a risolversi, il che può essere il risultato di una minore esposizione a potenziali allergeni alimentari. Molti gatti hanno allergie ai cereali che possono variare da molto lievi a gravi. Queste allergie possono manifestarsi sulla pelle, possono influenzare la digestione e anche contribuire a naso che cola e occhi. La riduzione dei sintomi allergici può essere il risultato non solo di una ridotta esposizione agli allergeni da un cibo di qualità superiore, ma anche da un sistema immunitario più forte. Più nutriente è il cibo, più forte sarà il sistema immunitario.

Il pelo

La pelliccia diventa incredibilmente morbida e si riduce la perdita di peli. Questo può essere il risultato di una migliore alimentazione ed è in genere uno dei benefici iniziali osservati dopo aver cambiato i gatti in una dieta cruda o barf. Potrebbe anche esserci una riduzione delle reazioni allergiche umane ai gatti a causa della riduzione del pelo.

Queste informazioni non hanno lo scopo di diagnosticare o fornire cure per alcuna malattia. Un veterinario dovrebbe sempre essere consultato per qualsiasi problema di salute del tuo gatto.
Risorse: www.radfood.com/
Leggi anche: quanto spesso dai da mangiare al tuo gatto?
Foto: https://barf-specialista.it/

Sebastian Faltoni

Senior developer, pet blogger, amante dei gatti: ne ho due uno tolto dalla strada l'altro da un gattile. Cat sitter da sempre per gli amici. Creatore de Iltuogatto.it by NukedBit

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tempo di Lettura: 4 minuti
https://iltuogatto.it/wp-content/uploads/2019/12/il-tuo-gatto-2.png
@ 2019 All Right Reserved.
VAT. IT03759401205
Social

Nukedbit by Sebastian Faltoni - Via Andrea Costa 14 Imola Bologna (BO) P.IVA IT03759401205 - C.F. FLTSST83L05A390N - PEC. faltonisebastian@pec.it